«Guardatevi attorno: la bellezza è in ogni luogo, soprattutto nelle cose piccole che stanno sotto i nostri occhi.
È una forma di poesia disponibile ovunque, che non dobbiamo farci togliere, che merita devozione e rispetto,
che ci salva l’anima tutti i giorni» Carlo Petrini fondatore di Slow Food

«#Non Fossilizziamoci: il petrolio rischia di distruggere luoghi unici come il Mediterraneo e l'Artico,
 l'efficienza energetica può ridurre in modo significativo, in tempi brevi e con vantaggi economici, queste problematiche»
Dalla petizione per l’indipendenza energetica dalle fonti fossili di Greenpeace

«I più attivi nell'autopromuoversi ecosostenibili sono le compagnie petrolifere e i prodotti finti verdi che contengono derivati
petroliferi, ma non li dichiarano. Tra questi il 37% è rappresentato dai cosmetici e il 35% dall’edilizia.

Lo spot è sempre più green, anzi greenwashing…» Da Altroconsumo


logo abitare verdeLa Bellezza è l’Energia dell’Italia

PREMIO NAZIONALE ABITARE VERDE "FOR EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE

Architettura e Agricoltura insieme per Nutrire il Pianeta
Premio al miglior prodotto buono giusto pulito no-oil per l’efficienza energetica degli edifici
e a persone e progetti che valorizzano il Made in Italy con sistemi e materiali buoni giusti puliti no-oil

PREMIAZIONE  26 OTTOBRE 2014  SALONE DEL GUSTO  TERRA MADRE  SLOW FOOD
Lingotto Fiere - TORINO CIA Confederazione Italiana Agricoltori Padiglione 2
Premio Nazionale Abitare Verde "For Expo 2015" Edizione Speciale
in occasione del Salone del Gusto Terra Madre Slow Food

A cura di: PENTAPOLIS ONLUS
In partenariato con: DOMUS NATURA
In collaborazione con: Aniem associazione nazionale imprese edili e manifatturiere ,
Cia
confederazione italiana agricoltori, Confimi Impresa,  Fai fondo ambiente Italia
Fcs fondazione consumo sostenibile, Inbar istituto nazionale architettura bioecologica,
Italia Nostra, Unc unione nazionale consumatori
PREMIO   NAZIONALE   ABITARE   VERDE   FOR  "EXPO 2015"  EDIZIONE SPECIALE 

logo abitare verde


Il Premio Nazionale Abitare Verde for Expo 2015 edizione speciale, promosso da Pentapolis Onlus, nell’edizione speciale ispirata al  Salone del Gusto di Terra Madre, mira a promuovere l’applicazione e la diffusione di criteri innovativi di bioarchitettura capaci di favorire un’urbanistica veramente sostenibile, con nuove modalità di azione che mettano al centro la salute dell’ambiente e la bellezza, energia dell’Italia.
                                C’è un’Italia piena di bellezza, quella della blue economy. Da questa Italia nasce il


PREMIO ABITARE VERDE "FOR EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE
Architettura e Agricoltura insieme per Nutrire il Pianeta


Il Premio trae ispirazione dalle parole di Carlo Petrini, dalla Blue Economy e dalla petizione per l’indipendenza energetica dalle fonti fossili Non Fossiliziamoci di Greenpeace.
Ed è proprio l’edilizia sostenibile con il settore della progettazione a segnalare tra i materiali ed i prodotti isolanti termici più richiesti e utilizzati per l’efficientamento energetico degli edifici, quelli a base di materie prime di origine fossile, altamente inquinanti, nonostante vi sia un’ampia disponibilità di prodotti naturali da fonti rinnovabili, a costi competitivi.


Il Premio Nazionale Abitare Verde for Expo 2015 edizione speciale vuole aprire una riflessione in tal senso e stimolare nuovi comportamenti. I metodi della Blue Economy se applicati, favoriscono la diminuzione della domanda di prodotti di sintesi limitando fortemente i danni provocati dal settore delle costruzioni, responsabile del più elevato tasso di inquinamento, secondo i dati riportati dal "libro bianco (ENEA)". Il comparto delle costruzioni è, infatti, indicato come il settore a più alto impatto ambientale per utilizzo di risorse non rinnovabili, ma non solo. In Europa, questa attività è responsabile di circa il 40% del consumo di materie prime, del 40% dei consumi energetici e del 40% della produzione di rifiuti mandati in discarica. A questi dati si aggiungono quelli di aggravio sulla produzione delle materie prime di sintesi, sempre più richieste in Europa dal settore industriale manifatturiero per il risparmio energetico, e provenienti soprattutto da  Cina e India (causa di danni ambientali incalcolabili). Ridurre l’uso dei prodotti di sintesi in edilizia equivale anche a contrastare l’inquinamento di territori altrimenti dedicati all’agricoltura.


La Blue Economy, basata sull’imitazione dei sistemi naturali, genera zero o quasi zero rifiuti e valuta sostenibile ciò che viene prodotto con il minore impiego possibile di energia, di capitali finanziari e con scarsa invasività sul territorio. Queste condizioni di base favoriscono una maggiore sostenibilità economica e ambientale, oltre ad una corretta comunicazione, presupposto questo non facile da conseguire sebbene necessario, come dichiarano le associazioni dei consumatori che segnalano, in molte aziende dichiarate verdi, un crescente greenwashing dietro al quale si nascondono sempre le stesse tecniche, incentrate sul disorientamento degli utenti e su una comunicazione poco trasparente


PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA PRODOTTI E PROGETTI PER L’EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI
VALUTATI  CON  PARAMETRI  GREENWASHING-FREE  E  NO-OIL

logo abitare verde

Il Premio Nazionale Abitare Verde "For Expo 2015" Edizione Speciale, si avvale, per la prima volta in
Italia, di modalità di analisi che includono anche il Greenwashing-Free e il No-Oil, per la valutazione di prodotti isolanti termici. Il medesimo requisito si richiede ai progetti per l’efficienza energetica degli edifici, mirati alla difesa del territorio inteso come sistema pianeta, dove architettura e agricoltura agiscono insieme
                               per nutrire il pianeta e non per inquinarlo.
L’efficacia tecnica (considerata prioritaria) viene misurata secondo le normative vigenti per il risparmio energetico a cui si affiancano le analisi di dati importanti ma poco considerati nel settore dell’edilizia ecologica (bioedilizia) come l'assenza di materie prime di origine fossile e di risorse non rinnovabili nella composizione del prodotto, la tracciabilità, i conflitti o le sinergie con il territorio e l’agricoltura, gli impatti idrogeologici, nel caso della composizione di più prodotti la possibilità del disassemblaggio, la comunicazione adottata nei confronti dei consumatori e dell' impresa edile, la sostenibilità economica.
L’insieme di questi elementi permetterà di conoscere le migliori produzioni buone, giuste, pulite, no-oil per il risparmio e l’efficienza energetica degli edifici e i progetti in cui ne diventano parte integrante.


LA MAPPATURA DI ABITARE VERDE FOR "EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE

logo abitare verde

Il Premio Nazionale Abitare Verde "for Expo 2015" Edizione Speciale ha il compito di far emergere dati utili in termini di verifica e di efficacia tecnica e qualitativa, compreso il tasso di bugie verdi presente nel settore. L’obiettivo del Premio in buona parte riproduce ed è in perfetta sintonia con quello che da anni ribadiscono le maggiori associazioni per la tutela della salute, del cibo pulito e del Made in Italy.
Tra queste: Coldiretti, CIA Confederazione Italiana Agricoltori, Associazione Medici per l’Ambiente, Slow Food, Symbola, per citarne alcune fra le diverse ispiratrici del Premio. Tra le associazioni di imprese legate al settore specifico dell’edilizia vi è l’Aniem: Associazione Nazionale di Imprese edili e Manifatturiere e affini alla progettazione, rappresentativa di oltre 3500 imprese italiane e dei relativi collegi edili, presenti in ogni regione, che con il suo codice etico ha dato un importante contributo al Premio.
A tal proposito per favorire la maggiore conoscenza di produzioni e approcci sia virtuosi che contaminati dal greenwashing, verranno messi a disposizione di Enti, Fondazioni, Associazioni, dati e linee guida raccolti dentro la mappatura di Abitare Verde for Expo 2015, strumento utile anche per i giornalisti che operano nel campo dell’ambientalismo.
(Vedi il premio giornalisti per la sostenibilità di Roma promosso da Pentapolis).
Tra le finalità del Premio vi è infatti anche la divulgazione gratuita di dati e strumenti replicabili, adattabili in tutti settori del green, utili per associazioni, enti pubblici e privati, nell’organizzazione di fiere, presentazioni di prodotti, creazioni di marchi, manifestazioni, pianificazione di conferenze premi e riconoscimenti, laddove sia richiesta la garanzia di un’autentica sostenibilità ambientale, compiuta nel rispetto di una corretta informazione esente dal greenwashing.


DAL PREMIO NAZIONALE ABITARE VERDE "FOR EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE
AL PREMIO GIORNALISTI PER LA SOSTENIBILITA’

logo abitare verde

Tutti i dati raccolti nel Premio Nazionale Abitare Verde for Expo 2015 edizione speciale aiuteranno
ad incrementare gli strumenti di indagine utili non solo all’architettura e alla progettazione sostenibile ma
anche al settore della comunicazione per un migliore giornalismo ambientale, più attento al greenwashing.
Queste tematiche saranno uno dei fulcri della sesta edizione del Premio Giornalisti per la Sostenibilità promosso da Pentapolis, che si svolgerà a Roma il 26 Novembre 2014, con l’alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica.


MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AL PREMIO NAZIONALE ABITARE VERDE "FOR EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE

logo abitare verde


La partecipazione al Premio Nazionale Abitare Verde For Expo 2015 Edizione Speciale avviene su segnalazione da parte di Università, Associazioni, Enti, Fondazioni del settore o per auto-candidatura.
Tra questi concorreranno al Premio quelli ritenuti candidabili, che risulteranno: buoni, puliti, giusti, no-oil,
ad altissimo contenuto di innovazione, in grado di ottenere prestazioni energetiche elevate, secondo
                             modalità e approcci in linea con i principi della Blue Economy e nella massima tutela dei diritti dei consumatori.


Sono in palio 3 riconoscimenti:

premio miglior prodotto

tra gli isolanti termici per l’efficienza energetica degli edifici (privi di materie prime di origine fossile)

premio miglior progetto

per l’efficienza energetica degli edifici (in cui sia previsto un largo uso di prodotti privi di materie prime di origine fossile)

premio a persone/associazioni

attribuiti alla capacità di divulgare e valorizzare il Made in Italy con azioni, pratiche e materiali buoni, giusti, puliti no-oil (nel settore architettura).


Per partecipare inviare la segnalazione specificando la categoria (prodotto, progetto, persona/associazione)
al seguente indirizzo di posta elettronica: segnalazione-premio@premioabitareverde-for-expo2015.it


IL TERMINE DI SCADENZA PER INVIARE LE SEGNALAZIONI È IL 12 OTTOBRE 2014

logo abitare verde

CON IL PATROCINIO DI:

Commissione Europea - Rappresentanza in Italia, Ministero dell’Economia,
Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Mare e del Territorio,  Anci

Con l’adesione di:
Cittadinanzattiva, Fare Verde, Fondazione Sviluppo Sostenibile, Kyoto Club, Green Building Council,
                                 Symbola, Wwf, Unione Nazionale Consumatori.


logo abitare verde

ISPIRATORI DEL PREMIO
Associazione Nazionale Medici per l’Ambiente, Casa Clima, Coldiretti, Fai, Greenpeace, Slow Food




Plogo abitare verdeREMIO NAZIONALE ABITARE VERDE "FOR EXPO 2015" EDIZIONE SPECIALE
Architettura e Agricoltura insieme per nutrire il Pianeta

Premiazione Domenica 26 OTTOBRE 2014 ore 16,00
SALONE DEL GUSTO TERRA MADRE - SLOW FOOD  Lingotto Fiere Torino
Stand Confederazione Italiana Agricoltori di Torino - Padiglione 2